Archivi tag: apple

[News] Algoriddim lancia la nuovissima app per Mac, Neural Mix Pro

Neural Mix di Algoriddim é il primo lettore ed editor musicale alimentato da AI per musicisti, DJ e produttori.

Il creatore di djay Algoriddim è tornato con una nuovissima app.
Si chiama Neural Mix Pro. Si tratta di un lettore musicale basato sull’intelligenza artificiale che può aiutarti a modificare e riprodurre brani.

Il suo nuovissimo lettore ed editor musicale basato su AI fornisce la separazione delle sorgenti audio in tempo reale e l’estrazione precisa dal ritmo di elementi musicali utilizzabili poi dai produttori, DJ e musicisti.

La nuova app è un lettore musicale avanzato che consentirà di disattivare l’audio delle tracce vocali e strumentali individualmente all’interno dei brani, modificare i tempi e persino trasporre i brani in tempo reale. Questo può essere utilizzato da musicisti o creativi che vogliono esercitarsi con la loro musica ma anche dai DJ. Include una funzione di esportazione offline, un editor di loop, un browser musicale con integrazione dell’app Musica e del Finder e un lettore musicale AI. Quest’ultimo è la chiave per cambiare la tonalità e il tempo dei brani, isolare le singole parti dei brani e ascoltare i brani preferiti.

Grazie al nostro amico Giona Guidi, per la segnalazione e per essersi reso disponibile a testare e recensire l’app in uno dei prossimi articoli

[Review] ChordPotion 2 MIDI FX plug-in per la creazione di progressioni armoniche originali

FeelYourSound ha rilasciato la versione 2.0.0 del proprio sequencer MIDI e plug-in effetti ChordPotion, disponibile sia in versione VST che AU al prezzo di 45 €, ma gratuito per tutti gli utenti di ChordPotion 1.

ChordPotion è uno strumento di composizione e performance. Può trasformare istantaneamente qualsiasi progressione di accordi in nuovi riff e melodie.

Il concetto di base è semplice: suoni gli accordi nel tuo sequencer, li invii a ChordPotion che genera nuove note che vengono suonate sul tuo synth preferito. Puoi anche esportare le note generate come file MIDI standard e modificarle in seguito.

Il plug-in contiene quattro sequencer paralleli. Si possono creare e modificare le sequenze da zero o caricare uno dei tanti presets per creare modificatori di accordi personalizzati.

Si può espandere ChordPotion con pacchetti aggiuntivi per coprire ancora più stili. Per ChordPotion 2 mette a disposizione tre nuovi pacchetti predefiniti gratuiti:

Keys Mix: una selezione di preset di tastiera per vari generi come Rock, Pop, Ballate, Blues, Jazz, Reggae, Soul.

Golden Guitar: modelli di chitarre, dal folk alle terzine, fino ai classici stili di suono.

Time Oddity: varie impostazioni predefinite per contatori dispari come 3/4, 5/4, 6/8 e 7/8, con arpeggi, linee di basso, accordi ritmici o linee di strimpellatura.

L’interfaccia è pulita e ben strutturata. La sezione superiore ha 12 pulsanti di pagina in modo da poter lavorare con idee diverse o passare da un preset all’altro; un pulsante audio per attivare il suono del piano integrato e il pulsante midi drag and drop.

La barra in basso ha le opzioni swing e ottava insieme al browser preimpostato e il set copia, salva e incolla.

Parlando di preset, questi sono un modo eccellente per farsi un’idea del tipo di suoni che ChordPotion può produrre. C’è una gamma che include pop, hip hop, beat, backbeat, edm e piano e ci sono anche una serie di pacchetti di espansione disponibili come quelli descritti sopra.

Creare i suoni è semplice, nella parte centrale dell’interfaccia che ha quattro file separate, si possono trasformare le note degli accordi inseriti. Si può mettere in solo o mutare ogni riga, cambiare la velocity e l’ottava e anche decidere se suonarla una volta o ripetere. Per la riga di accordi, i pattern vengono applicati a ciascuna nota di input e le righe di melodia eseguono riff monofonici come arpeggi e linee di basso che si combinano per creare ritmi polifonici complessi. E’ possibile anche impostare un canale midi diverso per ogni riga.

Alla fine di ogni riga ci sono 2 slot FX che permettono di aggiungere una serie di opzioni tra cui aggiungere note, rimuovere note, note a caso, lunghezza a caso e velocity a caso. Ci sono anche 2 slot master fx.

È possibile modificare molti dei pattern che richiamano una finestra del sequencer step.

Ogni passaggio è mostrato come 0, 1, 2, – o #. Zero è la nota di basso dell’accordo (o di tutte le note), 1 è la seconda nota (o prima inversione) e 2 è la terza nota (o terza) inversione; – è un campo vuoto e # arresta la nota attualmente suonata. Facendo clic con il pulsante destro del mouse su un passaggio, si può impostare la probabilità di molteplici opzioni come trasformare un passaggio in – o #, nota casuale, velocity, ottava.

ChordPotion traspone le note non appena le riceve e le note di output generate vengono registrate automaticamente e quando si interrompe il sequencer è possibile trascinare e rilasciare il file midi. Se impostiamo ciascuna riga su un canale midi diverso, quando esportiamo, avremo i file multi-midi anziché un singolo file midi.

Questo è un eccellente strumento compositivo che adotta un approccio diverso rispetto ad altri strumenti simili, iniziando con una progressione di accordi creata e quindi ChordPotion ti consente di creare suoni complessi.

Funziona molto bene su strumenti e suoni percussivi e può creare semplici melodie singole come linee di basso o arpeggi o ritmi polifonici molto più complessi.

Quello che ci è piaciuto davvero è che è uno strumento stimolante e soprattutto divertente da usare. È facile imparare a suonare in modo molto musicale, le opzioni random e fx ti consentono di aggiungere variazioni naturali, il che significa che la sensazione meccanica che ottieni con alcuni sequencer non si verifica con ChordPotion. Possiamo alimentare progressioni molto semplici di ChordPotion e le convertirà in armonie complete migliorando istantaneamente i nostri arrangiamenti.

La funzione export midi è un’aggiunta eccellente, questo permette di modificare o salvare i file midi per un uso futuro, l’esportazione multi-file è molto utile per salvare melodie e linee di basso separate, ad esempio.

Un ringraziamento a Giona Guidi ,per aver testato e recensito il plug-in. Giona ha un background di oltre 30 anni come dj internazionale e produttore discografico. Dal 2012 è event music director per Emporio Armani.

[News] Roger Sanchez inaugura la nuova serie online “Artist Masterclass” di Pioneer DJ

Pioneer DJ, annuncia una serie di eventi online dedicati alla community della musica elettronica e alla new generation DJ.
“Artist Masterclass” prevede diverse lezioni, webinar ed eventi sui social media, completamente gratuiti, con alcuni dei migliori DJ e produttori di musica elettronica del mondo.

La prima sessione della serie Pioneer DJ Artist Masterclass avrà come protagonista la leggenda della house music Roger Sanchez. Martedì 7 luglio alle ore 19.00 sulla piattaforma online Livestorme, ci rivelerà come organizza la libreria musicale in rekordbox, così da adattarla a ogni situazione e per suonare con quattro deck.

Ci saranno anche domande & risposte dal vivo: gli utenti avranno così la possibilità di rivolgere a Roger le domande più scottanti e ricevere consigli dal valore inestimabile su come preparare al meglio playlist e tracce, per esibirsi le nelle performance live.

L’accesso alla Artist Masterclass dal vivo è limitata ai primi 1.000 iscritti, in base all’ordine di prenotazione. Chiunque si registri all’evento potrà accedere a una registrazione della sessione on-demand dopo la sua conclusione. Basta cliccare sul link Livestorm nella email che riceverete dopo la registrazione.

Registratevi qui per seguire l’evento online. Su social media di Pioneer Dj potrete tenervi aggiornati su nuove sessioni, quindi vi suggeriamo di seguire i profili se già non lo fate.

· www.facebook.com/pioneerdjglobal
· www.twitter.com/pioneerdjglobal
· www.youtube.com/pioneerdjglobal
· www.instagram.com/pioneerdjglobal

Roger Sanchez ci mostra come organizza la sua library di rekordbox
Martedì, 7 luglio
10AM PT / 1PM ET / 6PM BST / 7PM CET

[News] Installare i plug-in Au in Logic senza riavviare il Mac? Basta 1 Dollaro

Grazie a questa app da 1 dollaro non è più necessario riavviare il Mac quando si installa un nuovo plug-in Logic

Una soluzione semplice e conveniente per un problema fastidioso

È giusto dire che PlugInstall, una nuova app per Mac da 1$, è un vero trucco, ma per alcune persone, detto trucco potrebbe essere quello che speravano di vedere realizzato da un po ‘. Molto semplicemente, è progettato per consentire l’installazione di nuovi plug-in AU e la loro visualizzazione in Logic Pro X senza che sia necessario riavviare il computer.

Questo è qualcosa che è stato un sogno per molti musicisti da quando hanno eseguito l’aggiornamento a macOS 10.13 High Sierra nel 2017 (è anche un problema quando si eseguono 10.14 Mojave e 10.15 Catalina). Una volta che hai PlugInstall nella tua cartella Applicazioni, puoi ignorare tutti i messaggi che dicono che devi riavviare il tuo Mac dopo aver installato i plugin: apri Logic Pro X e sono tutti lì, pronti per l’uso.

PlugInstall é disponibile dal sito Web PlugInstall ed è compatibile con tutte le versioni di macOS da High Sierra in poi.

[News] RME DigiCheck 64bit finalmente in arrivo?

Chi apprezza e utilizza le interfacce audio di RME conosce bene il software DigiCheck e ne apprezza funzionalità e resa grafica, al punto che alcuni clienti farebbero fatica a cambiare scheda, pur di non rinunciare al prezioso Analizzatore di Spettro della casa tedesca.

Le stesse persone che apprezzano la qualità RME, tuttavia, conosceranno anche la frustrazione di non poter utilizzare il DigiCheck con le nuove versioni del sistema operativo Apple (Catalina), in quanto richiede Metal, non più compatibile con l’architettura a 32 bit. RME non brilla per tempismo e prontezza nel rilascio di utility e drivers ma, nel caso dell’analizzatore di spettro, ha seriamente messo a dura prova la pazienza dei suoi affezionati utenti. Catalina è sul mercato ormai da diverso tempo , eppure fino ad oggi non sembrava esserci luce in fondo al tunnel, nemmeno nel forum dedicato in cui si auspicava una beta già 8 mesi fa. Fino ad oggi, appunto.

Siamo più che felici di informarvi che esiste una release non definitiva di DigiCheck che dai nostri test sembra funzionare già alla perfezione.

Potete scaricarla da questo link, ricordando che si tratta comunque di una beta e, come tale, va trattata. Fateci sapere come vi trovate !

Un grazie a Giona Guidi per la preziosa segnalazione e per aver eseguito i primi test su strada.