Archivi tag: Streaming

[News] Roger Sanchez inaugura la nuova serie online “Artist Masterclass” di Pioneer DJ

Pioneer DJ, annuncia una serie di eventi online dedicati alla community della musica elettronica e alla new generation DJ.
“Artist Masterclass” prevede diverse lezioni, webinar ed eventi sui social media, completamente gratuiti, con alcuni dei migliori DJ e produttori di musica elettronica del mondo.

La prima sessione della serie Pioneer DJ Artist Masterclass avrà come protagonista la leggenda della house music Roger Sanchez. Martedì 7 luglio alle ore 19.00 sulla piattaforma online Livestorme, ci rivelerà come organizza la libreria musicale in rekordbox, così da adattarla a ogni situazione e per suonare con quattro deck.

Ci saranno anche domande & risposte dal vivo: gli utenti avranno così la possibilità di rivolgere a Roger le domande più scottanti e ricevere consigli dal valore inestimabile su come preparare al meglio playlist e tracce, per esibirsi le nelle performance live.

L’accesso alla Artist Masterclass dal vivo è limitata ai primi 1.000 iscritti, in base all’ordine di prenotazione. Chiunque si registri all’evento potrà accedere a una registrazione della sessione on-demand dopo la sua conclusione. Basta cliccare sul link Livestorm nella email che riceverete dopo la registrazione.

Registratevi qui per seguire l’evento online. Su social media di Pioneer Dj potrete tenervi aggiornati su nuove sessioni, quindi vi suggeriamo di seguire i profili se già non lo fate.

· www.facebook.com/pioneerdjglobal
· www.twitter.com/pioneerdjglobal
· www.youtube.com/pioneerdjglobal
· www.instagram.com/pioneerdjglobal

Roger Sanchez ci mostra come organizza la sua library di rekordbox
Martedì, 7 luglio
10AM PT / 1PM ET / 6PM BST / 7PM CET

[News] Pioneer Dj estende a 90 giorni il periodo di prova dell’ App DJM-REC

Parliamo della app per la registrazione di mix DJ di alta qualità, DJM-REC, che consente di registrare efficacemente e archiviare poi facilmente i mix attraverso l’iPhone o l’iPad.

DJM-REC normalmente offre un periodo di prova di 30 giorni ma, in virtù del momento che stiamo attraversando, e per favorire la creatività degli artisti, Pioneer Dj ha deciso di estendere a 90 giorni.

DJM-REC si collega facilmente ai mixer della serie DJM dotati di funzione send/return* con un unico cavo USB. DJM-REC è in grado di controllare il limitatore di picco nel mixer DJ pr ridurre al minimo il clipping e la distorsione, anziché doverlo fare manualmente nel dispositivo di registrazione.

L’ App consente di eseguire lo streaming in diretta del mix attraverso YouTube, Facebook Live, Periscope, Instagram e Snapchat e caricare facilmente il tutto su servizi cloud come Mixcloud, SoundCloud e Dropbox.

Vengono create automaticamente registrazioni temporali (time-stamp) dei brani modificabili, grazie alle informazioni del fader trasmesse dal mixer DJM all’app, semplificando così la creazione di elenchi dei brani.

I suoni registrati nell’iPhone o nell’iPad possono anche essere istradati ai mixer della serie DJM con la funzione send/return digitale.

L’ App consente la registrazione analogica anche senza che il dispositivo sia collegato a un mixer, utilizzando un microfono esterno con la funzione microfono dell’iPhone o dell’iPad.

[News] Amazon rilascia la propria App dedicata agli Artisti

Dopo Spotify ed Apple Music, anche Amazon Music rilascia una piattaforma di analisi per musicisti chiamata Amazon Music for Artists. Altri servizi di streaming musicale, come Spotify e Apple Music, hanno messo a disposizione strumenti simili già da un po ‘al fine di fornire agli artisti spunti e statistiche sui fan e sulle loro abitudini di ascolto. Ma c’è una grande aggiunta qui: i dati vocali, che sono sempre più importanti nella nostra vita quotidiana e un fattore trainante per la scoperta della musica.

Statistiche Amazon Music for Artists

Amazon Music for Artists è disponibile sia come app per iOS e Android, ma anche come sito Web di accompagnamento sul sito all’indirizzo artist.amazonmusic.com. L’app offre informazioni dettagliate, come le statistiche di ascolto totali di una canzone o la possibilità di osservarne le performance nelle ultime 24 ore. Nel contempo, il sito Web fornisce informazioni più dettagliate su come utilizzare l’app, interpretare i dati, suggerimenti per una migliore scoperta da parte dei fan e altro ancora.

Le risorse sull’app sono simili a quelle offerte su altre piattaforme. Gli artisti possono vedere dove sono di base i fan con approfondimenti sulla posizione, dati di streaming in tempo reale, vedere quali fan interagiscono maggiormente con loro e tenere traccia delle playlist e delle stazioni di Amazon Music su cui viene visualizzata la loro musica.

I dati disponibili partono dal 2018 e si aggiornano sull’app ogni due ore.

Amazon Alexa Echo

La differenza più importante rispetto alle piattaforme concorrenti? Amazon fornisce approfondimenti su come un artista sta facendo tendenza su Alexa. L’app non solo mostra il numero totale di richieste vocali di un artista, ma mostra anche i dettagli sui vari modi in cui le persone richiedono i brani, ad esempio per artista, album, brano o testo.

I dati dei comandi vocali introducono nuovi modi in cui gli artisti possono approfondirei dati e le strategie di promozione rivolte al proprio pubblico. L’anno scorso alla conferenza Music Biz di Nashville, il direttore di Amazon Music ha dichiarato durante un panel che “Alexa, play …” è il secondo comando più popolare per il dispositivo dietro “Alexa, imposta un timer”. Ci sono anche altri modi in cui gli artisti possono utilizzare Alexa a proprio vantaggio, come sottolineato dal sito Web Amazon Music for Artists. I fan possono impostare una canzone da suonare come sveglia mattutina o chiedere ad Alexa di seguire un artista su Amazon Music per ricevere notifiche sulla nuova musica non appena viene rilasciata.

App Amazon Music for Artists

L’app è ora disponibile per il download per iOS e Android, ma l’adesione non è istantanea. CD Baby ha stretto una partnership con Amazon Music per il lancio dell’app, quindi gli artisti distribuiti tramite CD Baby verranno esaminati rapidamente se fanno richiesta di un profilo artista. Amazon Music afferma che altri distributori verranno aggiunti molto presto.

[News] Apple, Spotify e altre società di streaming accusate di “cartello” sui prezzi.

Una società di licenze musicali accusa Apple, Spotify, Google, SoundCloud e altri servizi di streaming di far parte di una “cospirazione” finalizzata a mantenere i prezzi della musica in streaming a livelli anticoncorrenziali.

Pro Music Rights (PMR) ha presentato la denuncia lunedì al tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Connecticut. PMR in precedenza aveva intentato una causa contro Apple a dicembre per presunto streaming di musica protetta da copyright senza le necessarie autorizzazioni.

Il reclamo posto in essere da PMR accusa le compagnie di streaming di violare diverse leggi. Questi includono lo Sherman Act, il Connecticut Antitrust Act e il Connecticut Unfair Trade Practices Act. Sostiene che le aziende stanno lavorando insieme per “soffocare tutte le vestigia della concorrenza legittima dal lato degli acquisti del mercato”.

PMR è stata fondata da Jake P. Noch, un imprenditore di 20 anni. Secondo PMR, essa controlla una quota di mercato del 7,4% del mercato dei diritti di esibizione pubblica negli Stati Uniti. La PMR concede in licenza un paio di milioni di tracce. Questi includono brani di artisti come A $ AP Rocky, Wiz Khalifa, Pharrell, Gucci Mane e altri.

La nuova denuncia di PMR afferma che, nonostante i suoi “notevoli sforzi e investimenti per accumulare opere musicali”, le società accusate hanno “concluso un accordo, una combinazione e / o una cospirazione illegali per escludere PMR dal mercato e fissare i prezzi” a livelli ingiusti. PMR afferma inoltre che “nessuna stazione televisiva, stazione radio o servizio di streaming musicale ha stipulato una licenza per eseguire le opere musicali nel repertorio di PMR”.


PMR sta richiedendo un processo con giuria per risolvere il problema. Resta da vedere se questo si rivela essere un niente di fatto o ha il potenziale, per la maggior parte significativo, di esplodere in un problema di fissazione dei prezzi in stile iBook. Arriva in un momento in cui la discussione su possibili violazioni dell’antitrust è al suo apice.

[News] YouTube è ancora il problema numero 1 da risolvere per la crescita dello streaming

The Trichordist ha pubblicato i dati annuali relativi a pagamenti e entrate dello streaming.
Le loro cifre suggeriscono che Apple Music offre il miglior valore agli artisti per singolo stream.
Secondo quanto riferito, Apple ha rappresentato il 25% delle entrate dello streaming, ma solo il 6% dei consumi nel 2019.
Nuovi dati di The Trichordist suggeriscono che Apple Music offre il miglior valore agli artisti per stream rispetto ai suoi concorrenti.

Secondo la loro Bibbia dei prezzi dello streaming 2019-2020:

Apple Music è di nuovo il miglior valore per stream, rappresentando quasi il 25% di tutte le entrate dello streaming, con solo il 6% dei consumi. Spotify genera entrate complessive più di qualsiasi altro streamer (nessuna sorpresa) posizionandosi al 44% di tutte le entrate dello streaming sul 22% dei consumi. Come affermato in passato, Content ID di You Tube è il problema principale che limita la crescita contribuendo solo al 6% dei ricavi su oltre la metà di tutti i flussi, al 51% del consumo totale.

Come si può evincere dalla tabella, Spotify occupa il primo posto grazie alla sua enorme quota di mercato per categoria di entrate con il 44,33%. Apple è in seconda posizione con una quota del 24,79% delle entrate pagate. A prima vista, Spotify è il chiaro vincitore qui. Tuttavia, Apple ha pagato quasi il 25% delle entrate dello streaming dei settori, nonostante rappresenti solo il 6,36% degli stream.

Questa media complessiva è utile per chiunque desideri calcolare i ricavi lordi semplicemente guardando i numeri su Spotify. Per coloro che potrebbero non esserne a conoscenza, c’è un semplice “trucco” per vedere i flussi di qualsiasi canzone su Spotify. Nell’app desktop, passare alla vista “album” e passare il cursore del mouse sopra il ||||||| all’estremità destra di qualsiasi brano, appena a destra della lunghezza del brano. Una volta lì, le riproduzioni per quella canzone si materializzeranno sotto la lunghezza della traccia stessa.