Archivi tag: Yamaha

[Recensione] YAMAHA Serie HS

La serie HS di monitor da studio sono di colore bianco-woofered, eredi diretti del NS10M e modelli precedenti, come la HS50M HS80M che sono stati estremamente popolari in ambito “home studio”.Il modello HS80M con woofer da 8 pollici, suona un po gonfio ed é forse un po’ sproporzionato per il monitoraggio near-field, mentre il HS50M con woofer da 5 pollici richiede la subwoofer HS10W per fornire un monitoraggio accurato dello spettro. Con gli altoparlanti HS, Yamaha offre modelli con 5, 6.5, e woofer da 8 pollici (rispettivamente HS5, HS7 e HS8).

I monitor hanno una costruzione solida e sono gradevoli esteticamente. Il HS7 ha un woofer da 6,5 ​​pollici e un tweeter a cupola da 1 pollice, l’ultima delle quali è coperta da uno schermo di rete metallica di protezione. Internamente é bi-amplificato, 60 watt per il woofer e 35 watt per il tweeter, con la frequenza di crossover fissato a 2 kHz. Il case ha i lati smussati e rivestiti da una finitura antigraffio. Quando il HS7 viene acceso il logo Yamaha si illumina con una luce bianca morbida. Le porte dei bassi si trova sul retro della HS7, quindi é importante seguire le istruzioni e montare i diffusori ad una distanza minima di 1,5 metri dalle pareti posteriori e laterali. Tuttavia, se fosse necessario montare i diffusori a meno di 1,5 metri dalla parete di fondo, si può utilizzare l’interruttore Control Room per ridurre al minimo l’inevitabile aumento delle basse frequenze.

Yamaha ha offre una moltitudine di connessioni e opzioni di personalizzazione. Gli ingressi sono XLR, TS e TRS, con una manopola di controllo del livello di multi-arresto. L’interruttore Control Room permette di tagliare -0, -2 o -4 dB da 500 Hz e al di sotto, considerando che l’Alto Trim permette di tagliare o enfatizzare 2, 0 e -2 dB da 2 kHz e superiori.

Le connessioni XLR e 1/4-inch sono etichettati ingresso 1 e 2. Tuttavia, essi non possono essere utilizzati contemporaneamente, mai così effettuare più di una connessione di ingresso.

Ascoltando il HS7

Per le nostre prove d’ascolto, il carattere sonoro del HS7 é immediatamente riconoscibile, molto simile al NS10M, ma con una fascia bassa molto più approfondita e definita. Il NS10M aveva poca risposta nelle frequenze basse al di sotto di 125 Hz. Anche senza il beneficio di un subwoofer, la fascia bassa HS7 risulta dettagliato, liscia e precisa. La fascia media è molto apprezzabile , esponendo parti vocali, chitarre, e il punch di toms e percussioni in genere. Le alte frequenze non suonano dettagliate come alcuni dei monitor più costosi, ma sempre in grado di concentrarsi su piccoli dettagli. Dopo l’ascolto di molti generi diversi di musica ad una media di 85 dB per oltre due ore, le mie orecchie sentivano ancora la freschezza del suono ed è possibile ascoltare HS7 tutto il giorno senza il rischio di affaticamento dell’orecchio. Yamaha ha preso il proprio tempo e progettato un altoparlante degno del pedigree stabilito dai modelli precedenti, compresa la NS10M.

Confronto tra i modelli

La sparatoria tra la HS7 ei miei altri monitor doveva essere la parte più facile di questa recensione. Voglio dire, le mie casse più economiche suonerebbe peggio, e gli altoparlanti più costosi suonerebbe meglio, giusto? Beh, quello non è il modo in cui ha funzionato. Ill spiegare perché in un attimo. Ma per ora, consente di soddisfare la concorrenza.

[News] Steinberg annuncia SONOTE BEAT RE:EDIT Groove Plug-in

Steinberg ha comunciato il prossimo rilascio del nuovo plug-in Sonote Beat Re:Edit, un virtual instrument dedicato alla creazione di groove, complemento ideale dei già annunciati Cubase 7 e Cubase Artist 7.

Dedicato a tutti gli utenti di Cubase che si cimentano con i groove Sonote Beat Re:Edit è basato su tecnologia Sonote di Yamaha e trasformando i loops audio in slices e per poi sostituire i singoli campioni con suoni compatibili, analizzando i transienti delle singole forme d’onda.Sonote Beat Re:Edit è totalmente compatibile con Cubase 7 e Cubase Artist 7 integrandosi perfettamente nell’ambiente dei DAW di casa Steinberg, consentendo il drag&drop di eventi audio da e verso la finestra Progetto e MediaBay.

Da sottolineare il supporto MIDI per il controllo di tutti i parametri tramite dispositivi esterni. Non manca una nutrita Libreria di suoni già disponibili di default e la possibilità di ampliare detta libreria con suoni personali o di terze parti. Disponibile per Windows e Mac OS X Intel, Sonote Beat Re:Edit sarà disponibile a partire dal mese di dicembre 2012 esclusivamente come download dal negozio online Steinberg, ad un prezzo di 49,99 EUR.