Archivi tag: Plug-in

[News] Apple ha lanciato un periodo di prova per Logic Pro X di 90 giorni (e vale anche per Final Cut Pro X)

Apple iMac con Logic Pro X

Apple ha prolungato il periodo di prova gratuito per Final Cut Pro X e sta avviando un periodo di prova gratuito per Logic Pro X, i suoi software di editing video e audio progettati per uso professionale, offrendo ai clienti 90 giorni di tempo per provarli, prima di acquistarli. Il periodo di prova precedente per Final Cut Pro X era di 30 giorni, mentre Logic Pro X non aveva una prova. Sono versioni funzionanti senza alcuna limitazione, che smetteranno di funzionare dopo 90 giorni, dando tempo all’utente di provare i software e decidere in seguito se acquistarli o meno.

I lunghi periodi di prova forniranno un indubbio vantaggio a coloro che lavorano da casa, così come agli studenti che svolgono compiti fuori dalla classe. La prova estesa andrà anche a beneficio di chiunque cerchi di apprendere una nuove competenze in questo ambito.

Apple Macbook Pro con Logic Pro X

Se state utilizzando una versione precedente della versione di prova di Final Cut Pro, potrete utilizzare questa versione di prova gratuitamente per altri 90 giorni.

Logic Pro X richiede un Mac con a bordo macOS 10.12 o versioni più recenti, 6 GB di spazio su disco per un’installazione minima o fino a 63 GB di spazio su disco per l’installazione completa della Libreria audio
Per usare Logic Remote, avremo bisogno di un iPhone 6s, iPad Pro, iPad (5a generazione), iPad Air 2, iPad mini 4 o successivo con iOS 11.

Logic Pro X è in grado di gestire fino a 56 thread di elaborazione (su Mac Pro di ultima generazione ),permettendo a musicisti e produttori di lavorare con progetti incredibilmente complessi, ed eseguire un numero di plug-in in tempo reale fino a volte superiore rispetto alla vecchia generazione di Mac Pro. Supporta inoltre fino a 1000 tracce audio e 1000 tracce di strumenti software, un numero complessivo quattro volte superiore di tracce disponibili rispetto a prima.

La versione di prova gratuita di 90 giorni per Final Cut Pro X è ora disponibile, mentre la versione di prova gratuita per Logic Pro X sarà disponibile tra pochi giorni. Le prove gratuite possono essere scaricate dai siti Web Final Cut Pro X e Logic Pro X di Apple.

Logic Pro X è è venduto sul Mac App Store a €229.99.

[News] SVEP: Modulatore Stereo Gratuito per iOS, Mac e Windows

Oggi segnaliamo SVEP, una interessante app gratuita, disponibile sia su piattaforma iOS che Mac OS e Windows. Si tratta di un effetto di modulazione adatto a qualsiasi tipologia di suono, i cui parametri sono facilmente modificabili da un’unica schermata principale la cui interfaccia grafica risulta estremamente pulita e reattiva. Questo approccio incoraggia la creatività dell’utilizzatore, dai phaser della vecchia scuola acori sottili o persino totale stravolgimento del segnale audio originale.

Lo sviluppatore ha confezionato un numero particolarmente esiguo di preset all’interno di SVEP, ma probabilmente l’utente troverà così divertente scolpire il proprio suono ai limiti dell’assurdo da non farci nemmeno caso.

Su Mac e Windows è possibile accedere e utilizzare le medesime funzionalità disponibili su iOS come applicazione stand alone, sotto forma di plug-in AU (Audio Unit) o VST. Su iOS l’app si connette a GarageBand e, grazie ad un utilizzo piuttosto contenuto delle risorse di CPU, sarà possibile aprre istanze multiple di SVEP all’interno del medesimo progetto, senza dover temere di veder comparire il temuto messaggio di sistema che annuncia la necessità di ottimizzare le risorse e le prestazioni.

L’interfaccia di SVEP richiede un pò di tempo per essere addomesticata ma, una volta acquisita la necessaria disinvoltura, sarà abbastanza semplice produrre suoni esclusivi e realisticamente utilizzabili nelle nostre produzioni.

Se siamo alla ricerca di un aggiornamento o di una valida alternativa alla modulazione integrata offerta da GarageBand, gli effetti offerti da SVEP potrebbero fare al caso.

L’app ed il plug-in sono disponibili gratuitamente su App Store iOS e sul Sito dello Sviluppatore

[News] Mixed in Key rilascia due nuovi Pattern Pack per Captain Beat



Mixed In Key annuncia l’uscita di due nuovi Pattern Pack realizzati da L.Dre e Polaris per Captain Beat. Questi pacchetti di pattern sono inclusi in un aggiornamento gratuito per gli utenti di Captain Beat. Ogni pacchetto di pattern contiene 20 loop MIDI originali creati dagli artisti. L.Dre ha creato un pacchetto di modelli hip-hop grezzi, mentre Polaris ha creato un pacchetto stimolante di modelli di batteria e basso.

Captain Beat, lo ricordiamo, fa parte della suite dei plug-ins Captain ed e consente di mescolare e abbinare oltre 500 pattern per creare ritmi unici. Si possono combinare ritmi diversi su canali diversi, selezionando istantaneamente modelli che definiscono il genere dalle tracce di riferimento. Comunque si scelga di usarli, i Pattern di Captain Beat consentono di esplorare e sperimentare nella fase creativa delle parti ritmiche e/o di basso.

Se sei un percussionista, o preferisci semplicemente costruire i pattern ritmici in modo tattile, puoi i tasti di scelta rapida per attivare i suoni con la tastiera del computer o collegare qualsiasi dispositivo MIDI. Il tutto con l’ausilio della quantizzazione.

Si può inoltre contare sulla sostituzione del campione in tempo reale, sul Campionamento del ritmo ela possibilità di sostituzione del kit in uso al volo, grazie ad una interfaccia grafica altamente responsiva.
Una volta completata la fase creativa, sarà possibile effettuare il bounce del master o delle singole tracce audio. Anche per quanto riguarda le parti MIDI si avrà la scelta di esportare verso la própria DAW l’intero progetto, oppure i MIDI delle singole parti che lo compongono.

Captain Beat può essere acquistato a 50$, mentre il resto della suite Captain Plugins è attualmente in offerta a 79$

[Review] Ferrite: Podcast ed Editing Audio Mobile di Livello Professionale

Oggi parliamo di Ferrite uno delle migliori App iOS per la registrazione della voce.
Preciso subito che non si tratta di una DAW per musicisti, tipo Cubasis, nTrack o Garageband. Mi sembra tuttavia chiaro che, oggi come oggi, che piaccia o meno, tutti i dj, produttori o musicisti siano costretti a fare i conti con nuovi mezzi per diffondere i propri contenuti e consolidare il proprio brand. Mi riferisco ovviamente ai social media, ma anche a forme di comunicazione capaci di creare una connessione con il proprio pubblico, specie quello più giovane.

Radio show e Podcast stanno rapidamente prendendo piede, le statistiche e le previsioni dei guru del marketing parlano chiaro in tal senso. Sembra anche evidente che ci si stia muovendo sempre più verso soluzioni mobili, che consentano di avere pressoché i medesimi tools e il livello professionale garantiti dalle soluzioni desktop. Attendere di tornare in studio o a casa per realizzare quel podcast, quel radio show o semplicemente quella storia su Instagram è una cosa che , ahimè, non ci si può più permettere. Ecco perché oggi recensisco Ferrite Studio di Wooji.

Una delle cose che saltano immediatamente di ferrite è che ti consente di iniziare rapidamente una nuova registrazione non appena apri l’app. Dispone anche di un pratico misuratore dei livelli audio e questo consente di regolare il guadagno del microfono direttamente dall’interfaccia di registrazione. Naturalmente Ferrite funziona anche con microfoni iOS compatibili Lightning, oltre che con quelli tradizionali USB-A o USB-C attraverso eventuale dongle.

Ferrite è particolarmente indicato per voci fuori campo e podcast, anche se nulla vieta si utilizzarlo per editing audio di tracce che richiedano di essere tagliate, accorciate, allungate o per applicare dissolvenze in ingresso o uscita. Mi viene subito in mente il caso in cui, nel montaggio di una storia Instagram, limitata a 15 secondi, l’audio venga troncato in modo poco gradevole. Come molti di voi sapranno, i software per il montaggio video non consentono di andare troppo nel dettaglio della forma d’onda della colonna sonora, e questo può rendere difficile, se non impossibile, tagliare e incollare nel punto giusto senza creare sgradevoli effetti audio. Ferrite può tornare utile per sistemare la soundtrack del video in modo preciso e professionale.

Un utilissima funzione presente nella home dell’interfaccia di registrazione è il pulsante Segnalibri (Bookmark). Mentre sei nel mezzo di una registrazione, se devi registrare più take, i segnalibri possono farti risparmiare decisamente un sacco di tempo, permettendoti di contrassegnare dove ha inizio ogni nuovo take. Una volta completata la registrazione puoi accedere nell’inspector e visualizzare e rinominare i singoli segnalibri. Puoi anche accedere ai segnalibri all’interno dell’ editor multitraccia e questo ti consente di risparmiare tempo in post-produzione , visto che puoi navigare rapidamente tra quei segnalibri e creare un esportazione multitraccia per ciascuna registrazione autonoma che Ferrite salverà come separata.

La Apple Pencil è pienamente supportata e Ferrite ti consente di impostare diverse modalità in modo da editare senza ricorrere troppo alla tastiera, sebbene ci siano molte persone che sono talmente abituate a usare le scorciatoia da tastiera, da preferirla a penna e mouse.

Puoi facilmente costruire un progetto di editing multitraccia da un singola registrazione semplicemente premendo il pulsante di modifica, ma puoi anche inserire tracce aggiuntive importando l’audio esterno da altre fonti che potrai modificare aggiungendo effetti audio e automazioni.

Ferrite è una suite di post-produzione adatta a doppiaggi, monologhi e podcast con tracce sovrapposte che si adattano rapidamente usando i comandi per dividere e trascinare. Ferrite gestisce ovviamente la regolazione del volume e della panoramica ed offre strumenti ancora più avanzati come il ducking che consente di abbassare automaticamente il volume di un audio tutte le volte che entra in gioco una traccia master.

Oltre a questo trovo molto utile la funzione che consente di riconoscere ed eliminare il silenzio nei dialoghi, estremamente utile per l’editing di podcast per accelerare il flusso di lavoro

C’è una barra degli strumenti personalizzabile nella parte inferiore dell’interfaccia per eseguire rapidamente effetti e automazioni. La libreria degli effetti contiene un compressore, filtri passa alto e passa basso, noise gate e altri effetti utili che possono essere personalizzati a proprio piacimento. L’automazione e questo può essere applicata ai singoli componenti di uno specifico effetto, insieme a volume e panoramica. Se avete installati dei plugin esterni, potrete quasi sicuramente utilizzarli all’interno di Ferrite.

L’esportazione di Ferrite avviene senza perdita di qualità (lossless) o in formato compresso. Gli utentidi Ferrite hanno anche la possibilità di esportare una registrazione stereofonica o fare il mixdown mono.

Per chi fa molti Podcast tornerà utile la funzione che consente di impostare un modello (template) per ciascuna serie di episodi con musica, grafica, tracce audio vuote, numeri di episodi e tutto ciò che caratterizza ciclicamente il programma e riutilizzarlo per ogni nuovo episodio. Può essere un lavoro noioso, che in questo modo viene gestito automaticamente.

Il livellamento automatico e la riduzione del rumore consentono di pre-elaborare i file audio per ottimizzarli, prima di iniziare la modifica e posso dire che, tutto sommato, danno risultati piuttosto buoni.

Se effettuate regolarmente editing di voci o podcast dovreste sicuramente dare un’occhiata alla suite registrazione di Ferrite Studio. Potete scaricarlo gratuitamente da App Store nonostante alcune delle funzionalità, come effetti e automazione, richiedano l’acquisto in-app a 32,99 €, Ciò nonostante, è senza dubbio una
delle migliori app di registrazione audio che io abbia provato su iOS e lo uso praticamente sempre sul mio iPad Pro, che si tratti di un voiceover, un podcast o anche solo per sistemare una traccia musicale che devo “adattare” ad una storia di Instagram.

[News] Loopcloud 5.1: Aggiornamento per la suite di librerie e loops in abbonamento

LOOPCLOUD_WORDMARK_FULL_CMYK

Loopcloud è una pluripremiata suite di app e plug-in che si sincronizza automaticamente con la DAW per dare accesso a 4 milioni di suoni e strumenti unici in un gestore di campioni tra i più completo al mondo. Tanti suoni, un editor di loop, rack effetti e suite di plug-in a portata di mano, oltre a più di 500.000 nuovi suoni aggiunti ogni anno, Loopcloud completa è un validissimo supporto alla creatività e originalità.

Loopcloud 5.1 offre quelle funzionalità che sono state richieste dall’utente, dopo la sperimentazione delle precedenti release. Ricerca ed esportazione avanzate, un importante aggiornamento della suite di plug-in e più contenuti unici.

Nuove caratteristiche

. Supporto macOS Catalina per utenti Mac che hanno aggiornato il loro sistema operativo alla 10.15.

. Cerca più suoni con le schede
Visualizza la tua libreria, sfoglia i prodotti e apri più ricerche contemporaneamente. Tieni traccia di tutti i suoni che stai cercando nel tuo progetto.

. Miglioramenti all’esportazione
Esportazione di più file: tieni premuto alt mentre trascini dall’esportazione originale o elaborata per tutte le tracce contemporaneamente

Esportazione di un singolo file: trascinare dall’icona della traccia per esportare il file elaborato singolarmente

Esportazione della regione: trascina una regione direttamente dall’editor del loop per esportare singole porzioni nella DAW.

Editor cliccabile play-head
Le testine di riproduzione sono ora disponibili nell’editor di loop per migliorare l’audizione sincronizzata quando si lavora con campioni lunghi. Continua a rimanere in tempo quando si sposta la testina di riproduzione all’interno dell’editor del loop.

Effetto Grain-stretch
Unendo i sei effetti esistenti, Grain-stretch offre il suono del time stretching della vecchia scuola.

Miglioramenti della velocità di ricerca
Trova i suoni che stai cercando ancora più velocemente.

Filtro della libreria
La visualizzazione della cartella della libreria utente ora include la ricerca. Fai clic su un tag o digita un tag nella nuova casella della libreria di filtri e visualizza solo le cartelle e i file corrispondenti a quel tag.

Drumcloud Drum e Loopcloud Play

I plug-in Loopcloud Drum e Loopcloud Play offrono strumenti virtuali creativi e riproducibili per la tua esperienza Loopcloud. Con una libreria di fabbrica gratuita con ritmi e suoni di alcuni dei più grandi artisti di Loopmasters, gli abbonati possono accedere a una libreria in continua espansione di contenuti di alta qualità con nuove uscite ogni mese.

Loopcloud Drum 1.1 Nuove funzionalità

Trascina e rilascia il mixdown audio, i sub-mix, i singoli one-shot o i file MIDI direttamente dal Loopcloud Drum alla DAW.
Aggiungi i suoni ai kit esistenti o crea kit personalizzati con Audio Import
Trascina e rilascia qualsiasi campione dalla tua libreria Loopcloud su un pad in Loopcloud Drum, combina la potenza e la profondità della libreria Loopcloud con l’ispirazione di Loopcloud Drum.
Esplora nuove combinazioni predefinite
Mescola e abbina kit, modelli, parametri ed effetti, aiutandoti a trovare nuove combinazioni e ispirazioni di genere.

Loopcloud Play 1.1 Nuove funzionalità

La potenza del motore di synth di Loopcloud Play, incluso time-stretch del campione, lo-fi, tilt EQ, 12 tipi di filtro con inviluppo e LFO, più tre slot FX assegnabili con riverberi, delay, distorsioni e chorus.
Personalizza completamente il tuo suono
La pagina di modifica offre gli strumenti per una progettazione audio profonda o per personalizzare i controlli delle prestazioni.

Mescola e abbina campioni, parametri ed effetti che ti aiutano a creare un insieme ricco e diversificato di suoni per le tue tracce.

Disponibilità
Loopcloud è disponibile in abbonamento e viene fornito con una prova gratuita di 30 giorni, i prezzi partono da € 6,99.