Archivi tag: pioneerdj

[News] Beatport lancia lo streaming per dj… e la licenza online SIAE?

Beatport Logo

I DJ sono abituati a portare in giro la loro musica su vinile e su dispositivi digitali esterni che magari spaccano un pó meno la schiena , ma presto potrebbero non averne più bisogno. Beatport ha recentemente introdotto il suo servizio Link da $ 15 al mese che trasmette le tracce direttamente all’hardware e al software DJ, inclusa l’app WeDJ entry-level di Pioneer e ora anche i deck Prime Series di Denon. Finché c’è una connessione a Internet,si potranno suonare le ultime uscite di Beatport senza collegare il laptop o un qualche dispositivo di archiviazione. E se non c’è una banda larga affidabile, non si cade nel panico perché é possibile archiviare 50-100 tracce offline (con le versioni Pro e Pro +), anche direttamente sui dispositivi Denon.

Il servizio è attualmente disponibile in versione beta con supporto per WeDJ, anche se l’integrazione con Denon e Rekordbox di Pioneer dovrà attendere fino alla fine del 2019. C’è anche un servizio beta di Beatport Cloud da $ 5 che è una versione meno costosa e non streaming di Link, inclusa la possibilità di riscaricare gli acquisti e ascoltare anteprime di due minuti in qualsiasi punto della forma d’onda. si può avere un’idea di come una melodia si fonderà con il proprio set senza doverla acquistare o semplicemente abbonarsi all’opzione più costosa di Beatport per l’accesso completo.

Questo non sarà una soluzione perfetta se non sei interessato a suonare musica elettronica. Tuttavia. Beatport ha recentemente reintrodotto Beatsource in collaborazione con DJcity come download store “open format” per una più ampia fonte di musica, inclusi hip-hop e mash-up. Quando arriverà l’integrazione con Denon, Beatport rilascerà un abbonamento Beatsource Link.

La domanda nasce spontanea: come la mettiamo in Italia con Licenza DJ Online di SIAE?

Bene facciamo subito chiarezza. Se stavate cercando una soluzione per togliervi di torno questo ridicolo balzello all’italiana allora potrebbe essere la scelta giusta per voi. Ricordiamo infatti che il principio alla base della Licenza é la “copia ad uso lavoro”. In altre parole la licenza entra in gioco solo se una traccia viene riversata, spostata, copiata da un supporto ad un altro. Se si compra da Beatport e si scarica sul disco del pc e poi si esporta su una pen drive usb scatta la licenza. Se invece si riproduce la traccia in pubblico utilizzando lo stesso hard disk su cui é stata originariamente scaricata la licenza non serve. Con lo streaming, di fatto, si accantona completamente la questione perché la riproduzione avviene in streaming o (In futuro) direttamente dal dispositivo Denon (e altre marche) che archivia le tracce offline per ovviare all’assenza di una connessione internet.

[Recensione] Pioneer XDJ-1000

XDj-1000

 

Primo lettore Pioneer DJ senza CD drive, l’XDJ-1000 risponde alla crescente esigenza di un lettore USB-only, che vanti le prestazioni della gamma CDJ. Potrebbe essere questo il modo più veloce per sintetizzare le innovative caratteristiche di questa interessante macchina targata Pioneer. Il trend degli ultimi anni, infatti, ha posto sempre di più le CDJ di alta gamma come strumenti al servizio della tecnologia portatile grazie alla possibilità di interfacciarsi e riprodurre la musica via USB/SSD o tramite l’utilizzo del già citato rekordbox. L’eliminazione della funzione di vero e proprio lettore Cd era solo una questione di tempo.

Ad oggi, quindi, con la presentazione dell’XDJ-1000 si è compiuto un’altro importante passo verso la digitalizzazione completa del workflow del DJ/Performer on stage.

XDJ-1000_angle_low

Molte caratteristiche sono ereditate dal lettore top di gamma CDJ-2000NXS, comprese le jog wheel da 206 mm e le funzionalità Slip Mode, Quantize e Beat Sync. Le novità più importanti riguardano sia il browsing che l’aggiunta di nuove funzionalità per l’editing live delle tracce: la nuovissima funzione Quantized Beat Jump/Loop Move, per esempio, permette ai DJ di spostarsi liberamente in avanti o indietro di 1, 2 o 4 battute all’interno di un loop, mentre l‘interfaccia GUI interattiva -grazie all’ampio touch screen LCD full-colour- contenente tab per Browse, Play e Perform, permette ai DJ sia l’accesso istantaneo all’ampio equipaggiamento/personalizazione del lettore sia a tutte le informazioni pertinenti alle tracce, come Wave Zoom, Beat Counter, Phase Meter e Key Analysis, oltre che a fornire accesso istantaneo a cue e loop preparati in precedenza.

Sicuramente ci troviamo davanti a un prodotto di qualità che si pone come top di gamma per tutti quei professionisti che vogliono elevare al massimo grado la spettacolarità e la fantasia della loro performance. Non ho dubbi che si imporranno come nuovo standard all’interno delle DJ-booth di tutto il pianeta, tuttavia, a mio avviso, non presenta caratteristiche così stravolgenti da dover obbligare i possessori di altre CDJ di alta fascia a cambiarle nel breve periodo.

Per maggiori informazioni e per consultare la scheda tecnica di questa impressionante macchina clicca qui.
Vi lasciamo con il video di presentazione con protagonista il talentuoso Pedestrian! 

[News] Pioneer arricchisce la gamma dei colori delle HDJ-500

Link a PIoneer DJ

Pioneer ha appena annunciato la prossima disponibilità di due nuove colorazioni per le cuffie della serie HDJ-500. Oltre ai classici nero, bianco e rosso adesso sarà possibile acquistare le colorazioni viola e verde lime.

Le HDJ-500 hanno design di stile ultraleggero che deriva la propria tecnologia dalle top di gamma HDJ-2000. La progettazione del suono è stata mirata a riprodurre le frequenze medio basse ad alto volume. Sono dotate di braccio rotante a 60 gradi e archetto flessibile per il monitoraggio DJ e di ben 3m di cavo per uso DJ più 1m di cavo corto intercambiabile per l’ascolto in viaggio.

Caratteristiche tecniche principali:

  • Risposta in frequenza5 – 28,000 Hz
  • Impedenza45 Ohm
  • Potenza massima di ingresso2.000 mW
  • Livello sonoro d’uscita105 dB/mW

[News] Pioneer annuncia il DJM-2000 NEXUS

Link a PIoneer DJ

Pioneer completa l’aggiornamento della serie NEXUS annunciando il prossimo rilascio del mixer top di gamma DJM-2000 NEXUS. Il nuovo modello mantiene il medesimo layout e funzioni del precedente DJM-2000 aggiungendo novità interessanti come il “BEAT SLICE” che permette al dj di effettuare lo Slice e l’Arrangiamento in tempo reale della traccia.  Non poteva mancare poi il “SYNC MASTER” che, integrandosi con l’analoga funzione introdotta col rilascio dei lettori CDJ-2000 NEXUS, permette il controllo completo del tempo delle tracce riprodotte dai CDJ e garantendone la sincronizzazione. Oltre ai suddetti miglioramenti delle funzionalità legate  al sistema “PRO DJ LINK”, Pioneer ha lavorato anche sulla resistenza e la qualità sonora dei singoli cursori “Channel fader ” in risposta alle esigenze ed aspettative di operatività richieste da mixer che sono ormai lo standard della maggior parte dei clubs in tutto il mondo.

Il DJM-2000 NEXUS effettua lo slice del segnale in ingresso e attraverso il campionamento della sorgente, ri-arrangia il contenuto audio in nuove battute. Il tutto avviene in tempo reale attraverso il display LCD del mixer che consente il controllo di tutti e 4 i CDJ-2000 che la macchina è in grado di gestire attraverso il PRO DJ LINK. Anche in questo caso la manipolazione dell’audio non è condizionata dalle BPM che vengono mantenute automaticamente dall’algoritmo di quantizzazione degli effetti.

Il SYNC attraverso la sincronizzazione del master tempo del DJM-2000 NEXUS garantisce la perfetta messa a tempo delle sorgenti, in modo del tutto autonomo. Sarà possibile quindi preoccuparsi del missaggio di due sorgenti principali mentre un groove, riprodotto da un terzo lettore CDJ-2000 seguirà le oscillazioni delle BPM in automatico, adeguandosi al Master Tempo. Ovviamente il tempo master può essere modificato per tutti e 4 i lettori direttamente dal display del mixer.

Un’ultima nota la merita il Peak Limiter, ossia una funzione di limiting che, a detta di Pioneer, dovrebbe offrire il controllo dei picchi delle tracce riprodotte ad alto volume senza incorrere in distorsioni.