Archivi tag: Mobile Studio

[Tutorial] Musica in mobilità: Dispositivi iOS per farla

iPad Tastiera Musicale e Macbook Pro

Oggi la tecnologia musicale ha raggiunto un punto tale che, indipendentemente dallo stile di musica che facciamo,sono disponibili strumenti che possiamo portare con noi in viaggio,abbinare al nostro dispositivo iOS e continuare a creare in movimento. Gli artisti possono disporre di un numero crescente di tastiere che offrono in gran parte le stesse funzionalità di apparecchiature da studio più affermate, dai drum pad alle manopole e ai fader assegnabili, garantendo che la registrazione su piccola scala non sembri un compromesso.

È interessante notare che molti controller MIDI USB ora offrono la compatibilità iOS come standard in modo da poter utilizzare la stessa attrezzatura che si utilizza nel proprio studio di casa con il proprio iPhone o iPad. I controller da 25 tasti più piccoli sono spesso abbastanza portatili da poter essere messi in uno zaino e portati ovunque.

Ottenere audio di alta qualità su iPhone o iPad era, fino a poco tempo fa, un problema. Ora, ci sono molte interfacce audio compatibili con iOS prodotte dai più grandi nomi della tecnologia di registrazione. Sebbene però la registrazione su telefono o tablet sia di qualità indiscutibile, non sostituirà mai gli studi audio multitraccia completi. Per quanto potenti, i dispositivi portatili non sono semplicemente costruiti con la potenza di elaborazione richiesta per gestire contemporaneamente più tracce di audio ad alta definizione. Fatta questa doverosa precisazione, resta il fatto che rappresentano uno straordinario modo per delineare le nostre idee musicali e sono un ottimo strumento per integrare uno studio più grande.

Per molti YouTuber e video maker, gli smartphone Apple sono i dispositivi di riferimento per sessioni di riprese rapide e questo ha fatto sì che la gamma di microfoni disponibili per gli utenti iOS abbia rappresentato l’area di crescita più interessante nel mercato audio mobile. I microfoni suonano benissimo, le tastiere funzionano perfettamente e le interfacce audio non sono tanto diverse da quelle che potremmo usare in uno studio tradizionale.

IK Multimedia iRig i/o

IK Multimedia è stato uno dei marchi più attivi nel regno delle periferiche musicali per iPad e iPhone e la sua gamma iRig ora abbraccia una vasta gamma di interfacce e controller per soddisfare una moltitudine di esigenze. L’I / O iRig Pro è un solido accessorio iOS, che offre un ingresso audio adatto sia a strumenti che a microfoni (con alimentazione phantom disponibile) nonché a ingressi e uscite MIDI per l’invio e la ricezione di messaggi di controllo.

C’è anche una porta per le cuffie, il che significa che possiamo monitorare gli input anche su iPhone più recenti che non dispongono di un proprio output. L’I / O iRig Pro include anche un generoso pacchetto di software desktop e iOS, inclusi numerosi effetti e strumenti per la gamma di plug-in e app di IK. Tutto questo ad un prezzo di circa 150€

Ik Multimedia iRig Interfaccia audio con Ipad

Altro prodotto degno di nota dalla stessa azienda è iRig Keys I / O che combina una tastiera controller MIDI (è disponibile anche una versione più piccola da 49 tasti) e un’interfaccia audio in un’unica unità. È progettato per essere il più compatto possibile senza compromettere la sua utilizzabilità. È costruito pensando a iOS ma funziona anche molto bene con i sistemi desktop.

IK iRig Keys I / O 25 dispone anche di un impressionante pacchetto di software desktop fornito gratuitamente. Ciò include effetti T-RackS, SampleTank 3, Syntronik Pro-V e altro. Prezzo, 199€.

Focusrite iTrack One Pre

Interessante la soluzione di Focusrite iTrack One Pre. La sua combinazione jack / ingresso XLR è ideale per chitarra / basso o microfono e fornirà anche alimentazione phantom per l’uso con microfoni a condensatore. Una grande manopola di guadagno centrale consente agli utenti di regolare il livello di input e utilizza anche un leggero alone per indicare il livello di clipping.

Il principale svantaggio è la mancanza di uscita per le cuffie. Questo non è un problema per gli utenti di iPad e iPhone meno recenti, che hanno le proprie uscite cuffie dedicate sul dispositivo. Significa, tuttavia, che se utilizzato con un iPhone più recente non c’è modo di monitorare direttamente l’input. Prezzo, 150€.

Korg plugKEY

Nella fascia di prezzo sotto i 100€ troviamo la compatta interfaccia MIDI e audio di Korg, la plugKEY. Si tratta di un dispositivo incredibilmente utile per chiunque usi regolarmente sintetizzatori e strumenti iOS. Con un ingresso MIDI e prese jack stereo, trasforma effettivamente quelle app di synth digitale in strumenti compatibili con lo studio, permettendo di collegarle facilmente come faremmo con qualsiasi altro hardware MIDI.

Presenta anche un’uscita cuffie separata e un ingresso micro USB, che consente agli utenti di caricare il proprio dispositivo iOS contemporaneamente a un’uscita audio, cosa che di solito non è possibile con iPhone privi di porte per cuffie. Il prezzo della plugKEY si aggira intorno ai 70€.

Roland Go Mixer Pro

Da Roland abbiamo invece disponibilità della Go Mixer Pro che si attesta sui 125€. Questa interfaccia offre un totale di 9 ingressi, inclusi jack da ¼ ” per chitarre e sorgenti audio Line e un XLR per microfoni. E’ abbastanza leggera, uno strumento ideale per catturare sessioni di prove improvvisate o registrare performance soliste.

Apogee One

Apogee ha in listino da tempo al Apogee One, un’interfaccia piccola e leggera, grande circa come una mano e realizzata con componenti di alta qualità derivati direttamente dai prodotti professionali da studio Apogee. Ci sono due ingressi tramite cavo breakout, uno microfonico XLR ed uno jack da 1/4″, inoltre è possibile registrare anche direttamente attraverso il microfono a condensatore omnidirezionale integrato nell’interfaccia. Il suo prezzo si aggira intorno ai 320€

Recensione: MBOX 2 Micro + Pro Tools 8LE

 

 

 

Il trend di mercato degli ultimi 12 mesi è stato caratterizzato da numerose aziende che creano prodotti professionali ad un prezzo concorrenziale, i quali permettono di usufruire di mini studi di produzione on-the-go grazie anche alla sempre più cospicua offerta di laptop ad alte prestazioni. Gli studi mobili si sono dimostrati spesso poco funzionali per lavorazioni di livello professionale e questo a causa di schede audio esterne ingombranti che richiedevano una logistica poco conciliabile con il concetto di mobilità.

 

Confezione M-Box 2 Micro
Confezione M-Box 2 Micro

 

Digidesign ha presentato la propria soluzione per disporre di uno strumento che possa sfruttare le risorse di Pro Tools con il minimo ingombro: M-box 2 Micro

A differenza delle altre schede M-Box, la M-box 2 Micro ha le dimensioni di una chiavetta usb, ma condivide con esse la potenza di calcolo, l’ affidabilità e le prestazioni che da sempre contraddistinguono questa linea di periferiche audio. M-box 2 Micro è una soluzione studiata principalmente per l’utilizzo di strumenti virtuali e creazioni “on the road” ed infatti non consente la registrazione di fonti esterne essendo priva di qualsiasi ingresso. Si possono eseguire tutte le operazioni di modifica su progetti esistenti, crearne di nuovi ed utilizzarli poi in studi professionali. In questo modello é presente solo l’uscita per le cuffie e le casse monitor con relativo controllo del volume.

 

 

M-Box 2 Micro Up
M-Box 2 Micro Up

 

Sebbene Digidesign stia orientando la propria politica commerciale nella direzione del bundle che lega il prodotto software ad un hardware dedicato e certificato, ci preme evidenziare che, grazie al Core Audio, gli utenti Mac possono utilizzare la M-Box 2 Micro anche con altri DAW come Cubase o Logic Studio.

Le specifiche tecniche della Micro sono di tutto rispetto:

  • Uscite Audio
  • Connettore Uno stereo jack da 1/8″ (per cuffie o casse) con controllo volume
  • Output Massimo: +3 dBV in 600 Ohms
  • Risposta in frequenza: -2/+0 dB, 20 Hz – 20 kHz
  • Gamma dinamica: 103 dB pesata A (THD+N: 0.002%)
  • Frequenze di campionamento supportate: 44.1, 48 kHz
  • Lunghezza massima stringa digitale: 24 bit
  • Connessione Host: Un connettore USB 1.1 di tipo A (cavo di prolunga incluso)

 

 

M-Box 2 Micro On the Road
M-Box 2 Micro On the Road

 

M-Box 2 Micro Connected
M-Box 2 Micro Connected

 

    Le Dimensioni della M-Box 2 Micro sono ridottissime:       

  • Altezza: 8,89 cm
  • Lunghezza: 3,17 cm
  • Profondità: 1,05 cm
  • Peso: 34 gr.
  • Alimentazione via USB

Purtroppo le dimensioni, per quanto contenute non impediscono di ostacolare l’utilizzo di una seconda porta USB in quei portatili che hanno le porte affiancate. Nel nostro caso è stato necessario rimuovere il connettore del controller per sfruttare al massimo la praticità logistica della scheda. Ad ogni modo, nella confezione viene fornita una mini prolunga USB Femmina-Maschio che permette di bypassare il problema con un minimo compromesso in termini di comodità.

 

 

M-Box 2 Micro con Prolunga
M-Box 2 Micro con Prolunga

 

Per quanto riguarda il nuovo Pro Tools 8 quel che salta subito all’occhio è la nuova interfaccia utente. Quello che invece si scopre approfondendo la nuova release è che ora si può contare su più di 70 plug-in e strumenti virtuali, un editor MIDI e di notazione totalmente integrati, nonché una più ampia gamma di funzioni di editing capaci di fornire all’ utente tutto ciò di cui necessita per le fasi di creazione, composizione, notazione, registrazione, e mixaggio.

 

 

La sua nuova interfaccia utente ha subito migliorie a livello estetico e vanta una nuova gamma colori con testi e grafiche più nitidi e contrastati. Al dilà dell’aspetto estetico Pro Tools 8 nasconde all’ interno un notevole ampliamento degli strumenti creativi e un gran numero di nuove funzioni dedicate ai professionisti della creazione musicale e della post produzione. Le funzioni di base di Pro Tools sono rimaste invariate, ma ora si può contare su finestre Editor gestibili dalla barra del dock e una barra strumenti della finestra Edit completamente configurabile.

 

 

Non possiamo non rilevare una certa somiglianza estetica con Logic, soprattutto quando si crea una nuova traccia che assume il colore grigio scuro.  Complessivamente Por Tools ha dato spazio al colore rispetto alle precedenti release e questo ha conferito all’interfaccia un aspetto più moderno, con bottoni 3D e angoli arrotondati. La paletta dei colori consente all’utente un notevole controllo sull’intensità del colore che può ora spaziare dal pastello al brillante. Le novità più significative a nostro avviso possono essere così riassunte:

  • Finestre MIDI e Score Editor  integrate e gestibili dalla barra del dock che possono comunque essere aperte separatamente (ossia non “docked”)
  • 10 Inserts rimpiazzano i 5 delle precedenti versioni
  • Le forme d’onda sono ora riprodotte in una risoluzione maggiore 
  • Funzione Elastic Pitch che consente di trasporre musica con facilità e in tempo reale
  • MIDI Smart Tool che consente un editing MIDI decisamente più agevole
  • Rappresentazione intuitiva della velocity delle note: colore scuro equivale a velocity più alta, colore chiaro velocity più bassa
  • Buffer Size a 64 Campioni per le interfacce USB
  • Possibilità di selezionare lo scenario preferito al lancio dell’applicazione: nuova sessione, sessione esistente, template (30 templates preconfigurati) 

 

 

Anche per quel che riguarda le novità di “dotazione”, Pro Tools 8 riserva delle piacevoli sorprese grazie ai nuovi 5 virtual instruments totalmente gratuiti:

  • Mini Grand – 1.5GB di suoni di piano
  • DB33 – Organo B3 con effetto che riproduce il famoso cabinet delle casse Leslie e che può essere usato anche come effetto indipendente svincolato dall’organo B3  
  • XPand2 –  2GB di suoni e 1500 patches
  • Vacuum – mono synth
  • BOOM – drum machine 

 

 

In aggiunta ci sono anche Eleven Free, versione light del famoso simulatore di amplificatore per chitarra e Structure, versione light del campionatore omonimo. Anche la dotazione di effects plug-in è stata decisamente incrementata, tant’è vero che questo pesa sul pacchetto per quasi 9GB di materiale aggiuntivo.

Con Pro Tools 8 é possibile registrare in Loop ed ogni “take” viene salvato su una nuova playlist. La cosa veramente innovativa sta nel fatto che è ora possibile aprire playlist multiple per ciascuna traccia e fare la comparazione diretta dei vari “take”, senza dover switchare tra una finestra di edit e l’altra.  Ci sono poi le Automation Lanes che mostrano le automazioni (tutte o solo una parte) riferite ad una traccia su Lanes differenti e anche in questo caso ciò segna la fine dello switching tra finestre di edit.

 

 

Lo Score Editor è l’ultimo miglioramento che ci preme mettere in evidenza. Pro Tools 8 ha finalmente capacità notazionali grazie al motore di Sibelius. E’ possibile esaminare la notazione musicale sia docked (ossia integrata nella finestra principale), che separatamente, nonché stampare e/o salvare la notazione in PDF. Score Editor non è certo potente come Sibelius ma è sempre possibile esportare il proprio materiale in quest’ultimo e sfruttare le funzionalità mancanti.

In conclusione questa nuova release di Pro Tools ci sembra un deciso passo avanti, capace di rendere accessibile il programma di riferimento negli studi di registrazione di tutto il mondo anche all’utente da “strada”. Il musicista/producer che desideri portare con sé tutta la potenza di un DAW professionale troverà nell’ abbinamento M-Box 2 Micro + Pro Tools 8 LE un validissimo supporto.

L’unico appunto che ci sentiamo di muovere riguarda la politica dei prezzi. Digidesign, come già accennato, sceglie di legare indissolubilmente Pro Tools ad un hardware proprietario che sia in grado di garantire il massimo delle prestazioni e dell’affidabilità. Così facendo però spiazza quella fascia di utenti che, possedendo già una periferica M-Box, si trovano a sborsare due volte il costo del software. Vista in tale prospettiva, questi potenziali acquirenti troveranno un pochino fuori prezzo il costo dell’interfaccia M-Box 2 Micro, visto e considerato che con pochi euro in più è possibile acquistare la versione Mini che offre anche la possibilità di registrare.

Attualmente lo street price della M-Box 2 Micro con Pro Tools Le si attesta per lo più sui 199 euro + IVA