Archivi tag: Logic

[News] Logic Pro X: debuttano i Live Loops presenti in Garageband iOS?

Apple MacBook Pro e schermata di Logic Pro X che mostra Live Loops di Garageband

Una versione apparentemente inedita di Logic Pro X è apparsa sul sito educativo di Apple, come notato da un utente Reddit.

L’immagine dalla pagina dei prodotti didattici di Apple mostra un MacBook Pro da 16 pollici con Logic Pro X, ma con un’interfaccia familiare che è estremamente simile alle sessioni Live Loops di GarageBand su iOS. Poiché Logic Pro X attualmente non contiene questa funzione, è possibile che Apple stia pianificando un aggiornamento con sessioni di Live Loop in stile GarageBand.

Al momento, l’unico modo per utilizzare i loop live in Logic Pro X, sebbene con una funzionalità sostanzialmente inferiore, è condividere un progetto di loop live da GarageBand per iOS. Live Loops è stato aggiunto a GarageBand per iOS nel gennaio 2016, come nuova funzionalità per creare musica toccando celle e colonne in una griglia per attivare diversi strumenti e campioni in loop. Live Loops include una libreria di modelli di loop progettati da Apple in più generi, tra cui EDM, Hip Hop, Dubstep e Rock, oppure é possibile crearne uno proprio. Da allora, Apple ha introdotto pacchetti audio scaricabili per espandere la libreria di suoni di loop live.

Logic Pro X è stato aggiornato l’ultima volta tre mesi fa con la versione 10.4.8, che includeva correzioni di bug minori. Apple tende ad aggiornare Logic Pro X ogni tre mesi, il che conferisce ulteriore credibilità alla probabilità di un aggiornamento imminente.

All’inizio di questa settimana, Apple ha iniziato a offrire prove gratuite di 90 giorni di Logic Pro X e Final Cut Pro X

[Tutorial] 10 consigli per collaborare online SU UN PROGETTO MUSICALE

Essere confinati a casa, rispettando il distanziamento sociale, non è un buon motivo per smettere di sviluppare i nostri progetti musicali in collaborazione con altre persone.

Per collaborare con successo online, ci sono una serie di aspetti da considerare. Ecco 1o suggerimenti per aiutarti a gestire il processo creativo:

Utilizzare l’archiviazione remota

I file audio stereo di alta qualità possono essere una seccatura da inviare sulla rete, a causa delle loro grandi dimensioni. Se si cambia una parte, si può semplicemente rinviare quella, ma molto presto il destinatario/collaboratore può perdere traccia di ciò che sta succedendo al progetto.

Si possono evitare queste seccature utilizzando un servizio in “Cloud” per mantenere sincronizzati i progetti su più macchine e utenti. Lo spazio disponibile gratuitamente è normalmente sufficiente per gestire un intero progetto. Dropbox offre 5Gb, Google Drive 15Gb, Box 10Gb, OneDrive 7Gb, Mega ben 50Gb. Se tutto questo non dovesse soddisfare le vostre esigenze ricordiamo che pCloud offre anche l’opportunità di acquistare a vita (senza abbonamenti mensili) fino a 4 Terabyte per una cifra competitiva.

Specificare un formato univoco per il progetto

Definire sempre in quale formato si vuole gestire i file prima di iniziare la collaborazione. Alcune DAW offrono l’esportazione a 32 bit, ma ne esistono altre che non sono in grado di gestirne l’importazione. Prima di far deragliare completamente una sessione di studio online, meglio esser chiari e convenire le regole del gioco,

Specificare la versione dalla DAW

Quando si collabora con qualcuno che utilizza lo stesso DAW, assicurarsi di lavorare con la stessa versione. Alcuni DAW non sono compatibili con le versioni precedenti, quindi ciò potrebbe significare che la persona che esegue la versione precedente non sarà in grado di aprire i file salvati in quello più recente. È facile sottovalutare questo problema, quindi assicuriamoci di chiedere in anticipo con quale release si lavora.

Essere flessibili

Lavorare con diverse DAW non deve rappresentare un limite, basta scambiarsi semplicemente i Bounce audio. Alcune persone lavorano meglio utilizzando più piattaforme, passando magari da Ableton Live a Logic, quindi lasciamo che ogni produttore possa sfruttare i propri punti di forza utilizzando la DAW che meglio li valorizza.. Se sentiamo qualcosa che desideri modificare, ne prendiamo nota e lo rendiamo noto al collaboratore.

Verificare le licenze dei banchi di suoni

Oggigiorno molti soundbank sono protetti da copia, incluse alcune librerie demo. Assicuriamoci di verificare che i collaboratori dispongano delle licenze richieste. Se non ne dispongono meglio, ancora una volta, procedere con un bounce della traccia audio in questione.

Salvare i campioni

Prestiamo attenzione ai plug-in che fanno uso di banchi di campioni, come ad esempio ReFx Nexus. Anche se impostiamo la DAW affinché salvi il progetto con tutte le sue risorse, i campioni del plug-in potrebbero non essere inclusi. Per ovviare a ciò, salviamo la patch campionata e condividiamola anche con il collaboratore.

Eseguire il bounce wet/dry

Quando eseguiamo il bounce di un canale con enormi quantità di riverbero o delay, meglio crearne una versione dry, senza il carico degli effetti della versione dry. Quando si entra nel merito degli effetti le cose possono essere molto soggettive, ed è facile che qualcuno del gruppo di lavoro possa lamentare il fatto di non essere in grado di poter lavorare su una versione asciutta della traccia.

Eliminare i silenzi audio

Se stiamo lavorando con molte tracce audio, il disco rigido potrebbe andare in affaticamento, specie se non si dispone di una unità di ultima generazione con tecnologia SSD. Se ciò accadesse proviamo a eliminare eventuali parti silenziose da ciascun file audio. In questo modo il disco rigido non sarà costretto ad accedere ad ogni singolo bounce contemporaneamente, per l’intera riproduzione della traccia.

Aprire la mente

Se qualcuno suggerisce una modifica a qualcosa che siamo abituati a sentire in un certo modo, può essere estremamente difficile giudicare con obiettività la nuova versione.

Per ovviare a questo problema, proviamo a convivere con la versione modificata della traccia per almeno un giorno. Non è detto che la modifica proposta sarà sempre accettabile e migliorativa, ma a volte bisognai lasciare che le cose decantare prima di poter essere obiettivi.

Non aver paura di parlare

Lavorare con molte persone ad un progetto può essere davvero interessante, in quanto consente una gamma potenzialmente più ampia di influenze e idee. Per contro, esiste il pericolo, tutt’altro che remoto, che il progetto possa perdere la bussola. Se ritieniamo che il progetto abbia perso la direzione, parliamone apertamente col gruppo di lavoro.

Assicuriamoci di farlo in modo amichevole e conserviamo un riferimento su qualche piattaforma online, in modo da avere sempre la possibilità di sentire come il progetto suonasse in una sua versione precedente.

[News] Non aggiornate a Mac Os Catalina prima di aver letto questo

Oggi Apple lancia macOS Catalina che, insieme all’aggiunta di molte nuove straordinarie funzionalità, è anche la morte di iTunes. Tuttavia, questo sta influenzando inavvertitamente la vita dei DJ.

La rimozione di iTunes in macOS Catalina termina contestualmente il supporto per i file XML mentre la riproduzione della musica passa all’app Music. Il file system XML è popolare tra le app DJ per l’ordinamento delle tracce in playlist e l’utilizzo di “Condividi XML libreria iTunes con altre applicazioni” per condividere la musica tra app DJ.

Ciò ha portato a un grosso problema per i DJ poiché app popolari come Serato e Traktor o Rekordbox che si basavano su file XML non saranno in grado di accedere alla musica. Se avete usato le playlist di iTunes per ordinare la musica in qualsiasi software, Catalina probabilmente cancellerà tutto.

Apple ha confermato il problema e fornito a The Verge una dichiarazione.

Il supporto dei file XML non è più disponibile su macOS Catalina. Apple sta lavorando a stretto contatto con gli sviluppatori di app per assicurarsi che il loro software sia aggiornato e compatibile con Catalina. Tuttavia, i clienti che utilizzano un’app non supportata devono contattare direttamente lo sviluppatore o, se è un’app mission-critical nel loro flusso di lavoro, si consiglia di continuare a utilizzare tale app su macOS Mojave fino a quando lo sviluppatore non aggiorna. iTunes su Windows non è cambiato, quindi le app dovrebbero funzionare normalmente.

Se sei un DJ che ha utilizzato file XML per le playlist, per il momento non eseguire l’aggiornamento a macOS Catalina. Almeno fino a quando gli sviluppatori non distribuiranno gli aggiornamenti per le loro app.

[News] Addio Logic Studio: Logic Pro disponibile su App Store

Apple segue la strategia intrapresa con Final Cut e manda in pensione la versione package di Logic Studio per dare spazio ad applicazioni acquistabili separatamente sul Mac App Store. Compaiono quindi Logic Pro 9 e Main Stage con le medesime funzioni della versione package, ma ad un prezzo ovviamente ribassato. Logic Pro 9 è disponibile a 149,99 euroMain Stage a 23,99 euro. Al momento non risulta disponibile separatamente Soundtrack Pro 3, il terzo componente del pacchetto originario di Logic Studio ancora in vendita su Apple Store in line a 503 euro.

Sebbene non abbia bisogno di presentazioni ricordiamo che Logic Pro 9 è un set completo di strumenti creativi per tutti i musicisti che vogliono scrivere, registrare, modificare e mixare i propri pezzi. Include tantissimi strumenti, effetti e Apple Loop che ti permettono di creare facilmente brani fantastici dal sound incredibile.

Creato per i musicisti
• Con i template di produzione e l’impostazione immediata delle tracce puoi metterti subito al lavoro.
• Grazie all’interfaccia a finestra singola accedi rapidamente agli strumenti e alle zone di editing, così lavori più velocemente.
• Oltre 15.000 Apple Loop per tantissimi strumenti e generi diversi ti permettono di trovare il sound ideale per il tuo brano.

Plug-in e suoni
• 40 strumenti integrati: sintetizzatori, tastiere vintage, una drum machine, un campionatore e molto altro.
• 80 effetti, tra cui riverberi, delay, EQ, processori di dinamica, amp e stompbox.
• Più di 1700 strumenti campionati per una ricca scelta di suoni acustici ed elettronici.

Ideale per comporre
• Con i browser integrati trovi sempre i file audio e i suoni che ti servono.
• Crea all’istante strumenti da campionatore partendo da un qualsiasi contenuto audio del tuo progetto.
• Produci spartiti o partiture complete di abbellimenti con un set completo di strumenti di notazione.
• Scopri le funzioni music-for-picture per comporre colonne sonore più facilmente che mai.

Ideale per registrare
• Registra ed effettua il punch in e out di una o più tracce.
• Organizza e gestisci registrazioni e sovraincisioni con le comode cartelle.
• Prendi nota delle info importanti su musicisti, microfoni e altro, con gli appunti per singoli progetti e tracce.
• Usa il Beat Mapping per registrare senza la traccia metronomo e adeguare in seguito misure e battute.

Strumenti potenti per un editing creative
• Manipola sincronia e tempo di qualsiasi registrazione con le intuitive funzioni Flex Time.
• Unisci le parti migliori di ogni take con la funzione Quick Swipe Comping.
• Renderizza velocemente gli effetti di una regione o di un’intera traccia con Bounce-in-Place.
• Usa Drum Replacer per sostituire o raddoppiare con pochi clic le tracce di percussioni imperfette.
• Trasferisci facilmente setup e tracce da un progetto all’altro con Selective Track Import.
• Applica rapidamente fade e crossfade regione per regione con le Click Zone.
• Usa Varispeed per aumentare o diminuire la velocità di un intero progetto multitraccia.

Mixaggio professionale
• Puoi lavorare su progetti anche molto complessi usando fino a 255 canali audio, strumenti software e canali aux.
• Divertiti a creare sfruttando fino a 15 insert plug-in e 8 send per canale.
• Automatizza all’istante qualsiasi parametro di channel strip o plug-in.
• Registra, modifica e mixa progetti in full surround, fino al formato a 7.1 canali.
• Usa fino a 32 Track Group per controllare più facilmente gruppi di tracce collegate.

Pienamente compatible
• Apri progetti di GarageBand direttamente in Logic Pro.
• Amplia la tua libreria di strumenti ed effetti con qualsiasi plug-in compatibile con Audio Units.
• Usa le applicazioni che supportano il protocollo ReWire, come Reason e Live, insieme a Logic Pro.

Incredibile nelle prestazioni
• Il supporto per l’elaborazione a 64 bit offre un maggiore accesso alla RAM per progetti complessi.
• Il motore audio multi-core distribuisce automaticamente il carico fra tutti i core del tuo Mac.
• Freeze Tracks renderizza temporaneamente le tracce per alleggerire il carico del processore.

[Recensione] Traktor’s 12: Gli effetti di Traktor nel Sequencer Preferito

Per coloro che si sono abituati in modo maniacale alla gamma di effetti disponibili all’interno di Traktor Pro, Native Instruments ha rilasciato un pacchetto in cui sono stati selezionati 12 fra gli Fx più noti del programma per dj e resi disponibili come effetti da installare ed utilizzare all’interno del proprio sequencer preferito. Traktor’s 12, rende possibile ciò che prima era fattibile solo attraverso un laborioso routing di audio e MIDI sync tra Traktor e il DAW. Tuttavia va subito precisato che il package non è offerto nel formato plug-in VST/AU/RTAS, ma come componente aggiuntivo all’interno di Guitar Rig. Infatti, sia che lo si acquisti all’interno del Komplete 7 o come pacchetto indipendente, Traktor’s 12 è corredato di un Guitar Rig Player andando a celebrare così una sorta di matrimonio tra ambienti così distanti come quello del djing e quello dei chitarristi rock. In verità questa politica ha portato progressivamente a far emergere Guitar Rig come una sorta di coltello svizzero degli effetti, piuttosto che come ambiente di lavoro dedicato alla nicchia del genere rock/live.

Questa filosofia di integrazione è immediatamente percebile anche a livello di interfaccia grafica, allorchè si lanci un’istanza di Guitar Rig, sia in versione stand alone che come plug-in. I parametri del Traktor’s 12 sono gestiti da un massimo di 4 controlli rotativi e/o 4 pulsanti, anzichè avere un comando per ciascuna funzione della sezione effetti. Ciò comporta che alcuni comandi abbiano il compito di gestire molteplici funzionalità come nel caso del filtro passa alto e passa basso designati ad un unico controllo rotativo che tenuto in posizione centrale non incide minimamente sul suono, mentre interviene con un hi-pass o low-pass allorchè lo si muova a destra o sinistra.

Se si desidera utilizzare il package in modalità avanzata è possibile intervenire sui 120 preset inclusi e che traggono la loro efficacia ed originalità dalla combinazione delle funzionalità base dei Trakor’s Fx e i componenti e modificatori che sono disponibili nel Guitar Rig Player come lo Step Sequencer, LFO o Analog Sequencer. I 12 effetti selezionati tra i 28 originari di Traktor sono: Delay, Reverb, Formant, Peak, LoFi, Ring Modulator, Mulholland Drive, BeatMasher, Gater, Reverse Grain, Transpose Stretch e Beat Slicer.

Demo Effetti

Spiazza un pò ritrovare nella selezione dei 12, alcuni effetti che vanno teoricamente a competere con analoghi Fx presenti nella potente dotazione di Guitar Rig ma, approfondendo , ci si rende conto che la loro unicità e la matrice prettamente DJ con cui sono stati concepiti li rende più che sensati e dedicati. E’ il caso del Mulholland Drive, del Delay o il Reverb.

Le punte di diamante del package ci sono sembrati però il Beat Masher, il Reverse Grain e il Transpose Stretch che possono essere utilizzati per dare originalità e freschezza alle parti ritmiche diversamente statiche e scontate, oppure utilizzati a livello estremo per generare effetti grain di sicuro impatto. Non nascondiamo che esistono altri prodotti in grado di offrire performance comparabili al Traktor’s 12 ma, alla resa dei conti, gran parte di esse si collocano in una fascia di prezzo ben più alta di quanto offerto da Native Instuments. Non dimentichiamo poi che lo scopo di questo package è garantire la familiarità acquisita con gli effetti disponibili in Traktor a quei DJ che si ritrovano a produrre la loro musica nel proprio sequencer preferito.

Il prezzo del pacchetto è 69 euro