Archivi categoria: Softwares

[News] Steinberg presenta Dorico SE software di notazione Musicale Gratuito

Steinberg ha annunciato la disponibilità di Dorico SE, una versione introduttiva del suo avanzato software di notazione musicale, che è completamente gratuito da scaricare e utilizzare. È il punto di partenza ideale per compositori e arrangiatori principianti ed è pienamente compatibile con gli altri prodotti della famiglia Dorico.

Dorico gode di una ragguardevole considerazione come software di notazione musicale e Dorico SE consente a tutti i musicisti, qualunque sia il loro budget, di accedere agli stessi potenti strumenti utilizzati dai professionisti di tutto il mondo nelle aree della musica cinematografica e televisiva, della musica da concerto, del teatro musicale, ed editoria musicale.

Dorico SE offre una serie di funzionalità uniche per un software gratuito di notazione musicale, in particolare nell’area del suono e della riproduzione, tra cui:

Modalità Play in stile sequencer, completa di editor di piano roll, editor di velocità, routing di automazione per controller MIDI e una dinamica unica che consente di modificare l’effetto di riproduzione delle marcature dinamiche scritte nella partitura.

Supporto per tutti i plug-in di strumenti ed effetti VST 3, oltre al campionatore HALion Sonic SE 3 incluso con oltre 1.000 suoni pronti per la produzione e una suite di 30 plug-in di effetti.

Un mixer audio completo, con invio e inserimento di effetti e un canale globale di effetti.

Lo stesso motore audio di alta precisione presente nella workstation audio digitale Steinberg, Cubase.

Facile esportazione di file audio in formato MP3 e WAV.

Gli stessi potenti flussi di lavoro per inserire, modificare e organizzare la musica che rendono Dorico Elements e Dorico Pro così veloci e facili da usare sono inclusi anche in Dorico SE, insieme alla sua popolare interfaccia utente a finestra singola, che mette tutto ciò di cui si ha bisogno a portata di mano e uno o due clic del mouse. Dorico SE sfoggia anche una serie completa di comandi da tastiera che consentono di passare attraverso input e modifiche.

Dorico SE può aprire progetti creati in Dorico Elements e Dorico Pro, mentre i progetti creati in altri prodotti della famiglia possono essere modificati in Dorico SE purché includano solo uno o due players. I progetti con più players possono essere comunque aperti, riprodotti e stampati.

Per aiutare i giovani compositori e arrangiatori a iniziare con l’apprendimento di Dorico SE, una serie dedicata di brevi tutorial video sono stati pubblicati su YouTube in modo da guidare i nuovi utenti passo dopo passo nel processo di creazione del loro primo progetto e padroneggiare i flussi di lavoro di base di Dorico SE .

Disponibilità e prezzi

Dorico SE è disponibile per il download dal sito Web Steinberg in modo completamente gratuito. Gli utenti di Dorico SE che in seguito desiderano passare a Dorico Elements o Dorico Pro potranno beneficiare di prezzi preferenziali e potranno trovare le ultime offerte esclusivamente nello Steinberg Online Shop.

Funzionalità chiave

• La stessa modalità di stesura automatica di Dorico Pro

• Inserimento semplice delle note tramite mouse, tastiera del computer o tastiera MIDI

• Regola in modo intelligente la notazione durante la scrittura

• Disposizione automatica delle parti strumentali

• Riproduzione – HALion Sonic SE 3 e centinaia di suoni inclusi

• Supporta strumenti virtuali VST 3 e processori di effetti (30 inclusi)

• Editor MIDI per piano roll in stile sequencer

• Simboli di accordi sofisticati, percussioni non intonate e notazione di batteria

• Musica non vietata, tuplet attraverso le stanghette, microtonalità, ecc. Gestite correttamente, senza soluzioni alternative

• Trasferimento da e verso altri programmi tramite MusicXML, MIDI, PDF, ecc.

[News] Beatport lancia lo streaming per dj… e la licenza online SIAE?

Beatport Logo

I DJ sono abituati a portare in giro la loro musica su vinile e su dispositivi digitali esterni che magari spaccano un pó meno la schiena , ma presto potrebbero non averne più bisogno. Beatport ha recentemente introdotto il suo servizio Link da $ 15 al mese che trasmette le tracce direttamente all’hardware e al software DJ, inclusa l’app WeDJ entry-level di Pioneer e ora anche i deck Prime Series di Denon. Finché c’è una connessione a Internet,si potranno suonare le ultime uscite di Beatport senza collegare il laptop o un qualche dispositivo di archiviazione. E se non c’è una banda larga affidabile, non si cade nel panico perché é possibile archiviare 50-100 tracce offline (con le versioni Pro e Pro +), anche direttamente sui dispositivi Denon.

Il servizio è attualmente disponibile in versione beta con supporto per WeDJ, anche se l’integrazione con Denon e Rekordbox di Pioneer dovrà attendere fino alla fine del 2019. C’è anche un servizio beta di Beatport Cloud da $ 5 che è una versione meno costosa e non streaming di Link, inclusa la possibilità di riscaricare gli acquisti e ascoltare anteprime di due minuti in qualsiasi punto della forma d’onda. si può avere un’idea di come una melodia si fonderà con il proprio set senza doverla acquistare o semplicemente abbonarsi all’opzione più costosa di Beatport per l’accesso completo.

Questo non sarà una soluzione perfetta se non sei interessato a suonare musica elettronica. Tuttavia. Beatport ha recentemente reintrodotto Beatsource in collaborazione con DJcity come download store “open format” per una più ampia fonte di musica, inclusi hip-hop e mash-up. Quando arriverà l’integrazione con Denon, Beatport rilascerà un abbonamento Beatsource Link.

La domanda nasce spontanea: come la mettiamo in Italia con Licenza DJ Online di SIAE?

Bene facciamo subito chiarezza. Se stavate cercando una soluzione per togliervi di torno questo ridicolo balzello all’italiana allora potrebbe essere la scelta giusta per voi. Ricordiamo infatti che il principio alla base della Licenza é la “copia ad uso lavoro”. In altre parole la licenza entra in gioco solo se una traccia viene riversata, spostata, copiata da un supporto ad un altro. Se si compra da Beatport e si scarica sul disco del pc e poi si esporta su una pen drive usb scatta la licenza. Se invece si riproduce la traccia in pubblico utilizzando lo stesso hard disk su cui é stata originariamente scaricata la licenza non serve. Con lo streaming, di fatto, si accantona completamente la questione perché la riproduzione avviene in streaming o (In futuro) direttamente dal dispositivo Denon (e altre marche) che archivia le tracce offline per ovviare all’assenza di una connessione internet.

[News] Photon AU: MIDI Recorder per iPad

Lo sviluppatore Anthony Saunders ha rilasciato Photon AU, un registratore MIDI per iPad.

Ecco di cosa si tratta:

Registra su iPad le performance MIDI utilizzando lo standard AU nella nostra DAW, permettendo poi di salvare/ esportare il risultato come file midi standard via e-mail o inviandolo direttamente ad altre app.

Si possono caricare i file midi usando Airdrop e selezionare la traccia da importare nella versione AU.

È possibile caricare fino a quattro pad con dati di file midi e riprodotti con variazioni di trasposizione, volume, tempo, parti definite come inizio / durata

Si può anche caricare un file midi come file Groove per consentirgli di sostituire il tempo o la velocità midi nel file midi registrato / caricato, conformando quindi il buffer midi al pattern groove (ad esempio effetti trancegate)

La maggior parte dei controlli sono automatizzati, come i parametri AU (registrazione rapida, controlli pad, riproduzione pad ecc.)

Un manuale di 24 pagine è disponibile sul sito dello sviluppatore (.pdf).

Prezzi e disponibilità

Photon AU è ora disponibile per 5,49 Euro su App Store

[News] SoundCloud: Artisti Ora Possono Lanciare Autonomamente I Propri Brani Su Spotify, Apple Music, Amazon e Altri

SoundCloud ha messo in atto già da qualche tempo una strategia che ha il suo focus sugli artisti. In tale ottica l’amministratore delegato Kerry Trainor ha presentato una nuova opzione per gli utenti dei piani a pagamento che abbiano anche determonati requisiti. Questo strumento permette ai creatori di distribuire la propria musica direttamente da SoundCloud su tutti i principali servizi di streaming come Spotify, Apple Music, Amazon Music e Instagram.

Lo strumento è accessibile agli artisti con abbonamenti SoundCloud Pro e Pro Unlimited e riconoscerà all’artista il 100% dei guadagni derivati da tali piattaforme. SoundCloud non applicherà quindi trattenute percentuali e tantomeno addebiterà costi di distribuzione.

Requisiti

La fase Open Beta è riservata agli abbonati SoundCloud Pro e Pro Unlimited. che abbiano compiuto almeno 18 anni e posseggano tutti i diritti sulla musica originale. Non devono inoltre avere ricevuto ammonizioni sul copyright e devono aver raggiunto almeno 1.000 riproduzioni nell’ultimo mese nei Paesi in cui sono attivi abbonamenti e pubblicità per l’ascolto di SoundCloud (Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Francia, Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Nuova Zelanda). Gli utenti idonei visualizzeranno un pulsante di distribuzione in una sezione dedicata dove si potrà scegliere tra un elenco di canali di distribuzione e pianificare la pubblicazione.

Spotify ha lanciato una funzione simile lo scorso settembre, riservata esclusivamente al proprio servizio.  Consente a determinati artisti indipendenti di bypassare i distributori e caricare la propria musica direttamente sulla piattaforma di streaming attraverso il proprio account Spotify For Artists.

I servizi di streaming saranno competitors delle etichette?

Alcuni hanno sollevato la questione circa il fatto che i servizi di streaming stiano invadendo il tradizionale territorio delle etichette discografiche. Kenny Trainor, amministratore delegato della piattaforma, ha insistito sul fatto che SoundCloud non ha alcuna intenzione di operare come un’ etichetta discografica, considerandola piuttosto come un partner.

Continuando sul tema Trainor aggiunge: “Non investiamo nei contenuti come farebbe un’etichetta o un editore. Non è il punto in cui ci dirigiamo. Sinceramente, siamo molto felici quando i creatori vengono scoperti dalle etichette e vengono supportati dalle etichette stesse dopo aver guadagnato engagement su SoundCloud”.

Nel frattempo SoundCloud ha superato 200 milioni di brani caricati nel mese di Febbraio contando 20 milioni di creators sulla piattaforma.

[News] Native Instruments: 9 Expansions a 99€

Native Instruments

Sia che si stia cercando ispirazione o qualcosa di frizzante per le nostre tracce esistenti, questi due pacchetti potrrebbero la risposta.

Fino al 13 Marzo Native Instruments ci offre la possibilità di espandere il nostro arsenale con 9 expansions ad un prezzo promo di 99 Euro con un risparmio di oltre il 75%

BEAT SAFARI combina nove delle espansioni urbane e di basso più popolari della casa tedesca, tra cui il suono da stadio di GOLDEN KINGDOM, lo STREET SWARM in stile shaolin e il GLOBAL SHAKE afro-pendente.

ELECTRIC IMPULSE offre nove acclamate espansioni house, techno ed electronica, dai classici suoni di Detroit di MOTOR IMPACT alla contemporanea elettronica di POLAR FLARE.


L’offerta, lo ricordiamo ancira una volta, termina il 13 marzo