Licenza SIAE per suonare i CD Masterizzati: La Procedura

 

 

 

Riportiamo direttamente le informazioni tratte dagli amici dell’associazione A-DJ per fare chiarezza sulle procedure necessarie ad ottenere la licenza sperimentale online che autorizza i DJ ad eseguire in pubblico i cd masterizzati contenenti brani di cui abbiano l’originale, sia esso un vinile, un cd o un file scaricato da Beatport/DJDownload etc…

Innanzitutto non è necessario che il DJ si iscriva alla SIAE.

Si può richiedere la licenza delle copie lavoro collegandosi al sito della SIAE e cliccando, in home page, sul link “Dee Jay on line”. Quindi è necessaria la registrazione, tramite la quale – ci spiega l’avvocato De Angelis – la SIAE provvede ad effettuare un’istruttoria e ad inviare successivamente al dj tutta la documentazione necessaria, compreso il contratto di licenza, che dovrà a sua volta essere sottoscritto dal dee jay in duplice copia e rispedito alla SIAE.

Dopo di ciò, il richiedente riceverà per posta il bollettino bancario per il pagamento dei compensi SIAE, secondo le tabelle che verranno illustrate tra breve. Una volta data la conferma del pagamento ed inviata tutta la documentazione (tramite fax), il dj potrà completare la registrazione, accedere ai servizi on line ed al proprio account.

Registratosi, il richiedente dovrà inserire nel proprio account on line i dati relativi a ciascun brano che intende copiare su qualsiasi supporto ed eseguire in pubblico, segnalare la fonte della registrazione, lo status commerciale dell’opera e le modalità con cui è stata acquisita, citando autori, interpreti e titolari di diritti connessi.

Questa operazione dovrà essere ripetuta ogni volta che si intende effettuare una nuova copia lavoro da eseguire in pubblico. Il DJ deve quindi compilare e aggiornare costantemente il catalogo delle riproduzioni effettuate su una posizione personale on line all’interno del sito SIAE, accessibile tramite password.

Il DJ, che è solito cambiare spesso il proprio repertorio musicale, potrà modificare l’elenco dei brani presenti nell’elenco, togliendone alcuni ed inserendone di nuovi.

Vien da sé che il DJ licenziatario non potrà effettuare la vendita o la cessione in uso a qualunque titolo delle copie lavoro che ha realizzato. Le copie lavoro sono considerate non obbligatoriamente soggette all’apposizione del contrassegno SIAE e non possono essere cedute ad altri soggetti, essendo la licenza a carattere personale.

Ricordiamo che il costo della licenza è annuale e va aggiunta l’iva.

da 1 a 2000 copie: 200 euro

fino a 4000 copie: 400 euro

oltre le 5000 copie: 600 euro

Per fare ulteriore chiarezza sull’argomento, ricordiamo che non si necessita di Licenza Online e si è perfettamente in regola se si suonano in pubblico le tracce di Beatport e siti similari usando lo stesso computer o hard disk sul quale sono stati scaricati legalmente al momento dell’acquisto


Lascia un commento